ok umbria L'Umbria
ok umbria Storia dell'umbria
ok umbria Prodotti Tipici
ok umbria Parchi Naturali
ok umbria Come Arrivare
ok umbria Turismo in Umbria
HOME SITE MAP MAIL
ok umbria il portale delle vacanze in umbria
 
italianoenglishfradeuspain
Le Province della Regione Umbria
Terniok umbria vacanze a terni ok umbria vacanze a perugiaPerugia
 
ok umbria Perugino
ok umbria Foligno-Spoleto-Valnerina
ok umbria Ternano


COMUNE DI SPOLETO

 
Sindaco:

Massimo Brunini dal 12-13/06/2004

Telefono :

0743 2181

Email : info@comune.spoleto.pg.it
Abitanti

38.101

 

Nel 1155 Spoleto, "munitissima cittÓ, difesa da cento torri" fu, secondo la tradizione, distrutta da Federico Barbarossa e se le varie dominazioni subite da un lato portarono morte e distruzione, dall'altro hanno arricchito Spoleto di monumenti insigni. Contesa poi, tra l'Impero e la Chiesa, fu a questa aggregata da Innocenzo III nel 1198 e definitivamente nel 1247. Funestata da conflitti tra Guelfi e Ghibellini, fu riappacificata dal cardinale Egidio Albornoz, (che, nel 1359, diede inizio ai lavori di costruzione della splendida Rocca come sede dei governatori della cittÓ); fu assicurata alla Chiesa e fatta centro importante dello Stato Pontificio che le mand˛ autorevoli governatori, tra questi anche Lucrezia Borgia (1499). Dal Rinascimento in poi Spoleto si trasform˛ progressivamente da centro prevalentemente strategico a centro culturale, con la fondazione dell'Accademia degli Ottusi (oggi Accademia spoletina). Seguirono periodi di splendore e di decadenza. Durante l'occupazione francese, Spoleto fu capoluogo prima del Dipartimento del Clitunno e poi di quello del Trasimeno, non tanto in omaggio al retaggio storico dell'antica Caput Umbriae quanto, pi¨ pragmaticamente, per la sua prossimitÓ ai territori montani confinanti con il Regno di Napoli, e perci˛ esposti alla penetrazione del brigantaggio, che consentiva un pi¨ agevole controllo territoriale. La Restaurazione (1814) ne fece una sede di Delegazione pontificia sino a che, il 17 settembre 1860, le truppe del generale Brignone, unirono Spoleto al nuovo Stato italiano.